Il Blog di ICT & Webmanager - Webmanager Consulenza web e ICT
Mi chiamo Antonello Petrosino e ho un’esperienza di più di 25 anni nel settore web e ITC. Ricopro il ruolo di resposabile ITC per un'importante azienda alimentare ma mi occupo anche di consulenza per progetti web.
webmanager, consulenza, web
6
page-template,page-template-blog-masonry,page-template-blog-masonry-php,page,page-id-6,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.7,menu-animation-underline,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

Proroga termine Voucher Digitalizzazione

Il 1° Agosto Il il MISE ha comunicato che il termine ultimo per la concusione delle spese oggetto del Voucher sono state prorogate al 14 Dicembre.

Ecco il testo ufficiale del decreto emanato dalla direzione generale per gli incentivi alle imprese del MISE:

1. Il termine per l’ultimazione delle spese connesse agli interventi di digitalizzazione dei processi aziendali e di ammodernamento tecnologico delle imprese assegnatarie del Voucher di cui al decreto interministeriale 23 settembre 2014, indicato all’articolo 5, comma 1, lettera b), del decreto direttoriale 24 ottobre 2017 citato nelle premesse, come modificato dal decreto direttoriale 14 marzo 2018, è prorogato al 14 dicembre 2018.

2. A seguito della proroga di cui al comma 1, fermo restando il termine iniziale per la presentazione delle richieste di erogazione del Voucher, fissato dal decreto direttoriale 29 marzo 2018 a partire dal 14 settembre 2018, il termine finale per la presentazione delle richieste di erogazione è prorogato al 14 marzo 2019.

3. Resta confermato tutto quanto disposto dal decreto direttoriale 24 ottobre 2017, come modificato dal decreto direttoriale 14 marzo 2018, non espressamente modificato dal presente provvedimento

Per maggiori informazioni vi rimando al sito del MISE ed in particolare alla sezione FAQ relative al Voucher

Vi riepilogo in breve le informazioni fondamentali per la rendicontazione e che bisogna conoscere prima di pagare una fattura e da comunicare al fornitore.

– nelle fatture occorre che sia presente  la seguente dicitura: ”Spesa di euro ……,…. dichiarata per l’erogazione del Voucher di cui al D.M. 23 settembre 2014. Programma Operativo Nazionale Imprese e competitività 2014/2020″;
– pagamenti distinti per ciascuno dei titoli di spesa  inoltrati esclusivamente per mezzo di SEPA Credit Transfer con indicazione della causale: “Bene acquistato ai sensi del Decreto MISE 23
Settembre 2014″;
– estratti del conto corrente dal quale risultino i pagamenti connessi alla realizzazione del progetto agevolato.
Schema di dichiarazione lineratoria del Fornitore (allegato 5)

Per maggiori dettagli clicca qui

Come attivare SSL sul vostro sitoweb WordPress

Per il tuo blog personale o per il sito di un’azienda è necessario per non essere penalizzati dalle ricerche di Google attivare il protocollo https (SSL) sul vostro hosting.
Ormai questo servizio è fornito gratuitamente per le piattaforme più comuni Aruba, Register, Ovh ma se avevate già realizzato il nuovo sito l’attivazione richiede attenzione:

Soluzione 1 per i più esperti.

Fate un dump del database e procedete con la sostituziona manuale all’interno del file SQL di http://nome sito con https://nome sito.

Soluzione 2 con plugin

Attivate i seguenti Plugin:

Really Simple SSL e SSL Insecure Content Fixer che trovate banalmento andando nella sezione Plugin –> Aggiungi nuovo e procedendo con la ricerca con SSL

Bari, la messa è in diretta streaming e su Youtube: “Per chi non può venire in chiesa”

Questo è il titolo di una articolo apparso su Repubblica Bari il 24 dicembre 2017. In pratica su richiesta dell’ esplosivo parroco Don Fabio della Parrocchia San Nicola di Torre a Mare quartiere di Bari ho contribuito alla realizzazione del sito web della Parrocchia con una particolarità: avere la possibilità di trasmettere in diretta la Messa visibile sul sito web e sul canale YouTube della Parocchia. Utilizzando esclusivamente risorse open source abbiamo messo su un sito che permette poter gestire eventi, fotogallery, notizie e ogni altra informazione. Siamo una parrocchia 2.0 con tanto di pagina Facebook, profilo Instagram!
Sono felice di aver dato una mano per una giusta causa…. mi sono guadagnato un benedizione 🙂

Miglioni di siti ed email ospitati sui server OVH sono KO

Da questa mattina numerosissimi siti ospitati nelle server farm europee di OVH  sono down: il maxi incidente odierno sui data center OVH stando alle ultime notizie sembra in via di risoluzione
Ultimo aggiornamento delle 13.25

Ciao,
2 informazioni,

Questa mattina abbiamo avuto due incidenti separati che non hanno nulla a che fare con l’altro. Il primo incidente ha colpito il nostro sito Strasburgo (SBG) e il secondo Roubaix (RBX). In SBG abbiamo 3 datacentre in funzione e 1 in costruzione. In RBX, abbiamo 7 datacentre in funzione.

SBG:
In SBG abbiamo avuto un problema elettrico. L’alimentazione è stata ripristinata e i servizi sono stati riavviati. Alcuni clienti sono UP e altri ancora non. Se il tuo servizio non è ancora UP, il tempo di ripristino è compreso tra 5 minuti e 3-4 ore. Il nostro sistema di monitoraggio ci consente di sapere quali clienti sono ancora impattati e stiamo lavorando per risolvere il problema.

RBX:
Abbiamo avuto un problema sulla rete ottica che consente di collegare RBX ai punti di interconnessione che abbiamo a Parigi, Francoforte, Amsterdam, Londra, Bruxelles. L’origine del problema è un bug di software sull’apparecchiatura ottica, che ha causato la perdita della configurazione e la connessione da tagliare dal nostro sito in RBX. Abbiamo consegnato il backup della configurazione del software non appena abbiamo diagnosticato l’origine del problema e la DC può essere raggiunta nuovamente. L’incidente su RBX è fisso. Con il produttore, stiamo cercando l’origine del bug software e anche cercando di evitare questo tipo di incidenti critici.

Stiamo procedendo al recupero dei dettagli per fornirvi informazioni sul tempo di recupero di SBG per tutti i servizi / clienti. Inoltre, forniremo tutti i dettagli tecnici sull’origine di questi due incidenti. Siamo sinceramente dispiaciuti. Abbiamo appena sperimentato due eventi simultanei e indipendenti che hanno colpito tutti i clienti RBX tra le 8:15 am alle 10:37 e tutti i clienti SBG tra le 7:15 e le 11:15. Stiamo ancora lavorando su clienti che non sono ancora UP in SBG.

Google Search Consolle: Chrome mostrerà avvisi di sicurezza sul tuo sito

Sicuramente vi sarete imbattuti in un messaggio del tipo: Messaggio in Google Search Consolle: Chrome mostrerà avvisi di sicurezza sul tuo sito http://….
A partire da ottobre 2017, Starting October 2017, Chrome (versione 62) mostrerà l’avviso “NON SICURO” quando gli utenti inseriscono del testo in un modulo su una pagina HTTP e su tutte le pagine HTTP aperte con la modalità di navigazione in incognito.

I seguenti URL sul tuo sito includono campi di immissione del testo (come < input type=”text” > o < input type=”email” >) che attiveranno il nuovo avviso di Chrome. Esamina questi esempi per sapere dove verranno visualizzati questi avvisi e poter così adottare misure per proteggere i dati degli utenti. Questo elenco non è completo.

Il nuovo avviso fa parte di un piano a lungo termine volto a contrassegnare come “non sicure” tutte le pagine pubblicate tramite il protocollo HTTP.
Di seguito viene riportata la procedura per risolvere questo problema:

Esegui la migrazione al protocollo HTTPS
Per evitare che venga mostrata la notifica “Non sicuro” quando gli utenti di Chrome visitano il tuo sito, raccogli i dati inseriti dagli utenti sulle pagine pubblicate tramite il protocollo HTTPS.

La maggioranza dei siti web attualmente online non utilizza il protocollo HTTPS. Addirittura siti istituzionali e particolarmente importanti non risultano essere sicuri. Ecco perché adeguarsi da subito è molto importante. Verificare il proprio sito web è molto semplice.

Per i siti istituzionali sicuramente occorre risolvere il problema e installare un certificato SSL con l’aiuto di un professionista

Il sistema di sicurezza SSL si basa su 2 principi:

Cifratura delle informazioni:
Tutti i dati scambiati vengono criptati per tutti tranne che per l’utente che stabilisce il collegamento e il server sul quale il sito Web è ospitato.
La cifratura è alla base della sicurezza e della riservatezza dei dati.

L’autenticazione di un certificato genera la creazione di un paio di chiavi numeriche:

Funzionamento step by step:

Chiave privata:
viene installata sul server. È la chiave che crea la cache di certificazione del tuo sito

Chiave pubblica:
è la seconda parte del certificato SSL che viene installata sul tuo sito. Consente ai visitatori del tuo sito di cifrare le loro informazioni, possibilità molto utile se si comunicano dati sensibili come numeri di carte bancarie, di SSN, etc. I dati vengono cifrati prima di essere inviati. La chiave privata, la chiave specchio corrispondente, è l’unica in grado di decifrare le informazioni.

 

  • Richiesta di inizializzazione di connessione protetta da SSL
  • Presentazione del certificato
    Verifiche effettuate in questo momento sul certificato:
    – Validità
    – Firma di un soggetto terzo affidabile
  • Trasmissione di un’unica chiave cifrata
    (codificata con la chiave pubblica del server)
  • Il server sta decifrando la chiave, utilizzando la sua chiave privata
    – Connessione protetta in corso

Software free per accorpare e disgregare PDF

Sarà capitato a tutti di aver bisogno di unire uno o più file PDF in un unico file o viceversa aver bisogno di separarare in uno o più file un PDF multipagina.
Invece di ricorrere ai software a pagamento ecco un semplice software opensouce GiosPSM che fa tutto questo.

Provatelo: veramente utile e funzionale.

Basterà aggiungere uno o più file pdf a seconda dell’operazione che si vuole fare.
Nel caso di accorpamento ci possono decidere le sequenze dei file da accorpare.

Compra con me: l’ecommerce con la centro le persone

Volevo segnalare un’interessante progetto della Start-up Evolution Lab di cui faccio parte.
“Compra con me” è un’innovativa piattaforma basata sul web e sulla Cloud. Sviluppata con tecnologia che la rende accessibile da ogni dispositivo, “Compra con me” consente a qualsiasi attività commerciale di creare e gestire processi di vendita online rivolti a più utenti, riuniti in forma di Gruppo di Acquisto, sfruttando il potere di condivisione dei Social.

Con “Compra con me” i Venditori possono aumentare il valore delle vendite promozionali online e le Persone collaborare per ottenere migliori condizioni di prezzo mediante acquisti collettivi da condividere sui Social.

“Compra con me” estende i confini del tradizionale negozio online, permettendo la pubblicazione di prodotti in vendita in più ambienti web.
Con “Compra con me” potrai creare, in pochi e semplici passi, la tua vetrina di Social Commerce o, tramite widget dedicati, proporre i prodotti/servizi sul tuo sito web, blog o in modo davvero innovativo attraverso Facebook.

“Compra con me” è multi-dispositivo e accessibile da Pc. Mobile e Tablet.

Scarica il white paper

Come attivare un servizio di helpdesk per la tua azienda

Qualsiasi impresa ha bisogno ormai di un servizio di helpdesk per i propri clienti, magari anche con la possibilità di interagire con i Social.
Non è un problema e basta solo smanettare un tantino utilizzando la piattaforma FreshDesk (sito in italiano).
Nella pratica è possibile attivare la piattaforma in modalià free ed utilizzare una sola email aziendale per rispondere a tutte le richieste dei propri clienti.
Al cliente basterà inviare una email all’indirizzo dell’helpdesk (support@nomeazienda.it) e magicamente sarà automaticamente aperto un ticket, inviata una notifica al cliente che continuerà a seguire via email l’andamento della propria richiesta.

L’azienda avrà viceversa a disposizione un portale http://nomeazienda.freshdesk.com (nella versione gratuita non è possibile personalizzare la URL con il proprio dominio) dare accesso ai componenti del team di supporto che potranno gestire in un unico punto di accesso tutte le richieste avendo a disposizione un servizio di thicketing.

Il supervisore del servizio potrà avere traccia di tutto quello che avviene rispetto alle richieste di supporto dell’intera clientela.

Lo strumento permette inoltre anche il collegamento con una pagina Facebook aziendale e con un account twitter convertendo in richieste di supporto le richieste pervenute sui canali social.
Esiste anche un’app Android e iOS per avere su mobile il servizio Freshdesk

E’ possibile gestire annche dei gruppi di supporto a seconda delle problematiche e usare altre piattaforme di collaboration come Slack che possono integrate con la piattaforma.

In caso di aziende che usano GSuite la cosa è molto interessante in quanto con il sign-in di GSuite potrò accedere direttamente alla piattaforma di helpdesk Freshdesk senza bisogno di alcuna configurazione.

Veramente uno strumento completo anche nella versione freeware.
Se vuoi possiamo darti consulenza per far evolvere la tua attività dotandola di uno strumento essenziale di supporto alla propria clientela.

Nuovo codice della privacy: cosa cambia

Manca poco più di un anno all’adeguamento obbligatorio alla rispetto alla privacy infatti le imprese e le pubbliche amministrazioni hanno due anni (sino al 25 maggio 2018) per adeguarsi alle nuove regole.

Le imprese devono, infatti, mettersi subito all’opera tenuto conto anche delle nuove possibili sanzioni: il Regolamento prevede, infatti, un inasprimento delle sanzioni amministrative a carico delle imprese private e pubbliche; nel caso di violazioni dei principi e disposizioni del Regolamento, le sanzioni, in casi particolari possono arrivare fino ad un massimo di 20 milioni di euro o al 4% del fatturato mondiale totale annuo dell’esercizio precedente.

Non basterà soltanto prevedere un documento ma il Regolamento prevede l’obbligo per il Titolare ed il Responsabile del trattamento di adottare misure sia tecniche sia organizzative idonee ed adeguate a garantire un livello di sicurezza dei dati che tenga conto della continua evoluzione tecnologica in uno con la natura, l’oggetto e le finalità del trattamento.

Ecco una utile Guida al nuovo Regolamento europeo in materia di protezione dati.

Qui di seguito una sintesi delle principali novità. (fonte http://www.diritto24.ilsole24ore.com/art/dirittoCivile/2016-06-01/privacy-e-iniziato-conto-rovescia-le-aziende-110743.php)

Il DATA PROTECTION OFFICER (DPO).
Le aziende pubbliche e private avranno l’obbligo di nominare un DPO – il Responsabile della protezione dei dati. Potrà trattarsi di un professionista competente in tema di protezione dati, dipendente della società titolare del trattamento o, in alternativa, un collaboratore esterno.
In ogni caso, dovrà essere in possesso di specifici requisiti quali competenza, esperienza, indipendenza e autonomia di risorse.
Le società facenti parte di uno stesso gruppo, a livello nazionale o transfrontaliero, potranno nominare un unico DPO.
Il DPO dovrà essere contattabile da tutti i soggetti interessati e comunicare con il Garante per la protezione dei dati personali; riferirà direttamente ai vertici gerarchici della società, con autonomia e indipendenza rispetto agli altri dirigenti.
I principali compiti del DPO saranno:
-verificare l’attuazione e l’applicazione della normativa;
-informare e consigliare il Titolare o il Responsabile del trattamento ed i dipendenti in merito agli obblighi derivanti dal Regolamento;
-fornire pareri in merito alla protezione dei dati;
-sorvegliare sugli adempimenti previsti dalla legge in materia di trattamento;

Il REGISTRO DELLE ATTIVITÀ DI TRATTAMENTO.
Il Titolare o il Responsabile avrà l’obbligo di tenuta di un registro delle attività di trattamento effettuate al fine di dimostrare la conformità alle disposizioni del Regolamento.
Il registro, che potrà avere anche formato elettronico, dovrà contenere una descrizione delle misure di sicurezza tecniche e organizzative e, su richiesta, dovrà essere messo a disposizione dell’autorità di controllo.

Il PRIVACY IMPACT ASSESSMENT.
In determinati casi, le imprese pubbliche e private, prima di procedere al trattamento, dovranno effettuare una valutazione dell’impatto (privacy impact assessment).
Tale adempimento sarà richiesto, ad esempio, se l’uso di nuove tecnologie per il trattamento dei dati, tenuto conto del contesto, della natura e della finalità del trattamento, può presentare un rischio elevato per i diritti e le libertà delle persone fisiche: trattamenti automatizzati su larga scala di categorie particolari di dati (sensibili); dati raccolti tramite sorveglianza sistematica e su larga scala di zone accessibili al pubblico etc.
Il Garante Privacy redigerà l’elenco delle tipologie di trattamenti soggetti a tale adempimento.

■ Il DIRITTO ALL’OBLIO.
Riconosciuto sino ad oggi solo a livello giurisprudenziale (sentenza emessa contro Google dalla Corte di Giustizia europea), è ora istituzionalizzato a livello normativo: l’interessato può decidere che siano cancellati e non ulteriormente sottoposti a trattamento i propri dati mediante revoca del consenso, se i dati non sono più necessari alle finalità per le quali sono stati raccolti, quando il trattamento non è conforme al Regolamento.

PRIVACY BY DESIGN, PORTABILITÀ DEI DATI, ACCOUNTABILITY, PRIVACY BY DATA BREACH, PRIVACY BY DEFAULT
Il Regolamento è ispirato ad una maggiore trasparenza nella gestione dei dati ed è finalizzato a dare un maggiore controllo al cittadino sull’utilizzo dei suoi dati. In particolare, è riconosciuto:

-il diritto di essere informati in modo trasparente e dinamico sui trattamenti effettuati sui dati e l’adozione di politiche privacy e misure adeguate in conformità al Regolamento (principio di accountability- obbligo di rendicontazione);
– il diritto di essere informati sulle violazioni dei propri dati personali (data breach notificaztion);
-il diritto di ricevere in un formato di uso comune, e leggibile da dispositivo automatico, i dati personali forniti a un titolare del trattamento e di trasmettere tali dati a un altro titolare del trattamento senza impedimenti (portabilità dei dati).
La protezione dei dati personali deve essere valutata già nel momento di progettazione di nuove procedure con l’attuazione, quindi, di adeguate misure tecniche e organizzative sia all’atto della progettazione che dell’esecuzione del trattamento (data protection by design).
I dati devono essere trattati solamente per le finalità previste e per il tempo strettamente necessario (privacy by default).

■ NON PIÙ NOTIFICA PREVENTIVA
Abrogato l’adempimento della notificazione al Garante privacy preliminare all’attività di trattamento di dati particolarmente riservati quali i dati genetici, quelli, biometrici, i dati idonei a rivelare lo stato di salute, i dati che indicano la posizione geografica di persone od oggetti mediante una rete di comunicazione elettronica, etc.

Google ha ha cambiato il suo nome da Google Apps in G Suite.

Questa mossa è molto più di un semplice cambio di nome in quanto molte nuove caratteristiche saranno implementate.
Finora, la strategia di marketing di Google si è concentrata principalmente su come questo cambiamento avrà un impatto imprese. Il mondo della scuola, a questo punto, è stata una mera nota. Invece innumerevoli sono le possibilità che G Suite può avere nel mondo della scuola
Il cambiamento non è sempre il benvenuto nel mondo della scuola. Il motivo è comprensibile: Non sempre hanno il tempo di rompere con la pianificazione e la classificazione di adattarsi a nuovi strumenti e flussi di lavoro.
Per la maggior parte, i cambiamenti con G Suite non richiederanno di imparare qualcosa di nuovo. Piuttosto, Google ha apportato modifiche in modo che la piattaforma si adatta al modo in cui già lavorate.
Suite G per l’istruzione: Ricerca di file

Google sta prendendo la tecnologia dietro il suo motore di ricerca e la sua applicazione al vostro storage Drive. Nel corso degli ultimi due decenni, Google Search è stata ottimizzata per conformarsi al modo in cui la gente pensa di rendere il più semplice possibile per trovare ciò che si desidera.
Accesso veloce alle unità sfrutta apprendimento automatico per ridurre di circa il 50% del tempo necessario per trovare i file desiderati. Quando si desidera accedere a un file, Google analizzerà il comportamento passato e del flusso di lavoro per prevedere i file che si sta cercando di trovare.
Inoltre, Google sta implementando Natural Language Processing (NLP) e correzioni ortografiche al campo di ricerca Drive. Per semplificare, questo significa ricerca di file in Drive sarà più user-friendly. Natural Language Processing (NLP) permette di cercare il modo di parlare, e quando si digitata la query di ricerca, Google fornirà le modifiche raccomandate per garantire che a trovare il file che si desidera.
Gestione dei file

Gestione dei file sarà migliorata per amministratori, educatori e studenti. Google sta prendendo misure per deduplicare i file. In breve, Drive è ora più intelligente, il che dovrebbe significare meno lavoro per l’utente finale. La possibilità di visualizzare e recuperare i file cancellati anche sarà reso disponibile.
La ricerca con Documenti, Fogli e Presentazioni

La ricerca è stata resa più semplice che mai. Mentre si sta lavorando in documenti, fogli o diapositive, Google fornirà suggerimenti per la ricerca sulla base del contenuto all’interno del progetto. Google si rivolge a voi e offre suggerimenti per fonti di ricerca e materiale automaticamente.
Pianificazione Meeting ed Eventi

Google sta lanciando intelligente programmazione per i calendari. Una nuova funzione “presentare una volta” fornirà gli orari delle riunioni proposti e le camere in base alla disponibilità di voi ed i vostri invitati. Il tedioso processo di back-e-indietro di discernere quando tutti saranno liberi può si spera essere una cosa del passato.

PDFescape per modificare i files pdf direttamente on line

pdfescape_permodificarepdf

PDFescape uno strumento per modificare i files pdf direttamente on line

Una buona risorsa molto utile per la compilazione e la modifica direttamente on line di files PDF
Basta andare sul sito: https://www.pdfescape.com

Ecco le sue funzionalità:

  • permettere di aggiungere note sui vostri documenti PDF
  • permette la creazione e compilazione di  moduli PDF
  • permette la modifica in generale di file PDF

Con la possibilità di salvare e/o stampare il pdf modificato

 

Il tutto completamente on line senza bisogno di alcuna installazione o registrazione: è facoltativa.

Personalmente ho trovato molto utile l’add-on di Firefox.

Ecco il link: https://addons.mozilla.org/it/firefox/addon/pdfescape-extension/

Per gli sviluppatoriesiste la possibilità di inglobare questa funzione sul prorio sito e all’interno di applicazioni ASP.net.

 

Register: ko il servizio di posta elettronica

Questa mattina tutti i clienti Register S.p.A. del gruppo DADA quotato in borsa si è ritrovato senza servizio di posta elettronica. Il disservizo della posta elettronica Register ha interessato migliaia se non milioni di utenti visto che Register è tra i maggiori Provider italiani. In pratica nessun nuovo messaggio in arrivo e nessuna possibilità di inviare posta. Dalla ore 9.30 il servizio era KO. La notiza sta nel fatto che Register non ha comunicato in nessun modo ai propri clienti il disservizio.
Molti utenti hanno provato a cambiare le password o a mettere in dubbio le proprie capacità di memoria.

Solo dopo un paio d’ore è comparso sul profilo Facebook la notizia del disservizio.

Non è possibile che nessun cliente sia stato avvisato e nessu avviso sul sito istituzionale we.register.it
Solo chi casulamente è andato a vedere sulla pagina Facebook si è accorto del disservizio.
Nel fattempo un mio amico era tempestato di telefonate di utenti che non riuscivano a ricevere email di lavoro importantissime.
La fiducia si guadagna in centimetri e si perde in metri:  Register ha perso Km. E’ non è la prima volta tra l’altro il servizio di webmail è diventato lentisssimo e il filtro antispam fa acqua da tutte le parti.

Un consiglio: cambiate provider!

Ecco quello che è apparso sulla pagina FB di register il primo post per la segnalazione e il secondo come aggiornamento: troppo poco!

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi